Ringraziamenti… ma anche no!

Pubblicato: ottobre 17, 2011 in Uncategorized

Vorrei ringraziare sentitamente un po’ di gente, sia in relazione ai fatti di
sabato, che in generale:

– Ringrazio, innanzitutto, chi, con la sua distorta idea di rivoluzione
sfascista è riuscito a mandare ad olgettine la manifestazione di sabato
scorso.
– Ringrazio chi confida nella violenza per risolvere ogni diverbio, credendo
di essere arrabbiati solo loro e loro soli detentori della verità ultima.
– Ringrazio Di Pietro, che ha avuto la genialata della legge reale 2, come se
per combattere la violenza bisognasse aumentare la violenza, cosa che lo
inserisce anche nei due ringraziamenti precedenti, ma d’altronde la sua
estrazione destrosa e poliziesca non potevano regalarci di meglio…
– Ringrazio i radicali, che per la smania di farsi vedere hanno rischiato più
volte di far fallire le poche azioni di contrasto dell’opposizione.
– Ringrazio nuovamente i radicali, per aver apertamente, nel recente passato,
contrattato con la maggioranza un possibile supporto ed ora se la prendono se
la gente li ritiene dei venduti, dopo che si sono comportati in modo da farlo
pensare.
– Ringrazio l’opposizione perchè vota sempre a favore della maggioranza,
perchè ha fatto qualcosa solo ora che forse ne ha la convenienza, o forse si
sono resi conto che gli elettori li stanno controllando.
– Ringrazio Vendola perchè ha concesso un po’ di spazio in regione anche ai
fedelissimi di D’Alema, anche se poi questi fanno dei danni; lo ringrazio
anche per non contrastare per niente gli inceneritori della Marcegaglia, per
finanziare Don Verzè e per coprire ogni cosa buona fatta dai suoi con la sua
campagna elettorale permanente.
– Ringrazio chi ha ordinato alla polizia di lasciare che il casino degenerasse
per poi far scoppiare il putiferio in piazza S. Giovanni.
– Ringrazio chi difende i radicali ed il PD nonostante le loro posizioni
davvero inconcepibili a volte, la fede è una gran cosa, ma la fede cieca può
giocare brutti scherzi a chiunque.
– Ringrazio quanti hanno bisogno delle grandi opere per rimpinguarsi le tasche
e spero che i loro soci in affari nelle loro belle tasche ci mettano un bel
po’ del cemento di cui vogliono coprire l’Italia, prima di concedergli un
meritato tuffo in mare.
– Ringrazio chi, sia per le ragioni appena dette, che per farci risparmiare
ben 40 minuti di treno per andare a Parigi, vuole distruggere la Val di Susa,
spendendo l’equivalente (per ora…) di una finanziaria, voglio ringraziarli
anche per l’idea di un inutile ponte sullo stretto, che, ammesso fosse
fattibile, si troverà il tappo della Salerno-Reggio Calabria che da decenni
non riesce ad essere imparentata con un’autostrada decente.
– Ringrazio i nostri geni della finanza, che non sanno fare nulla di meglio
che prendere i soldi da noi che ormai siamo delle rape ben strizzate,
scordandosi di quanti di sangue da spremere ne hanno molto di più di quanto si
meritino.
– Ringrazio i nostri industriali che per anni hanno ben pensato di non
investire sulla ricerca e di arricchirsi sfruttando operai e soldi pubblici,
che visto vengono forniti soprattutto dagli operai, li riescono a spremere due
volte.

Ma vorrei ringraziare, veramente e senza ironia:

– Quanti sabato ci hanno creduto, nonostante tutto e sono convinto che non si
lasceranno abbattere da queste difficoltà iniziali.
– chi si lanciava con reflex e telecamere in mezzo al casino per cercare di
fare giornalismo, d’informare e ne ho visti davvero tanti.
– Chiunque continuerà a crederci e, nonostante tutto, troverà nuove forme di
mobilitazione che possano anche prevenire quanto successo sabato, forse con
meno gente, ma tenaci e continuative!

Annunci
commenti
  1. Mirko Crosetto ha detto:

    davvero ben detto Biagio, credo che fortunatamente in molti inizino a pensarla in questo modo anche se la mia paura è quella dell’omologazione verso il basso ovvero che questi discorsi, nelle persone + sprovvedute, suonino come un “ma tanto sono tutti uguali” e quindi come una giustificazione a non impegnarsi per cercare di comprendere davvero quello che ci circonda e consequenzialmente fare delle scelte anche politico-rappresentative, imparando a distinguere i buffoni e i parassiti da chi vuole mettersi in gioco per attuare politiche pubbliche volte al bene comune.

    “Il più stupido di tutti gli errori si ha quando delle teste giovani e buone credono di perdere la loro originalità riconoscendo il vero che è già stato riconosciuto da altri.” [Goethe]

    • biagiothai ha detto:

      Il pericolo di appiattirsi c’è eccome, ma è anche colpa del fatto che la classe politica è veramente appiattita, l’importante è che non ci appiattiamo noi… che riusciamo a reagire in modo costruttivo! Da quello che leggo in giro ci stiamo facendo il contropelo anche fra di noi e la cosa mi spaventa perchè questo farebbe un gran favore a chi stiamo combattendo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...